Elsa Fonda - La cresta sulla zampa

Tap for gallery

€15.00€12.75

Maximum purchase quantity is 0.

Informazioni Prodotto
Specifiche

Memoria individuale e al tempo stesso collettiva, testimonianza di un periodo intenso, il libro restituisce ricordi in squarci improvvisi e taglienti. La scrittura, immediata e spontanea, impreziosita dal dialetto, è il luogo di un impegno etico. La protagonista, abbagliata dalla luce dell’incantevole Pirano, vive le infinite suggestioni che corrono sulle creste delle onde e sulle ali del vento. Ma quel magico paese natìo è disincantato dalla guerra; e la cresta sulla zampa, simbolo di vanità aggressive, diventa metafora di universale disfacimento.

"Mi pare un libro molto forte, poetico, doloroso e capace di andare inaspettatamente e dolorosamente in fondo alla verità – una verità che non è soltanto individuale, ma è al tempo stesso individuale e collettiva, storica. La cosa che mi sembra più riuscita è quell’innesto di storia personale (personalissima, con una accentuata individualità) e storia corale di una comunità, di una gente, di una terra, che si protende addirittura in un passato lontano. In questo senso mi sembrano decisamente riusciti quegli incastri, per così dire, fra notizie storiche (che però non sono soltanto notizie, ma vengono praticamente rivivificate) e racconto personale. Splendida la pagina in cui si parla di riportare in vita le cose amate, quelle estati lunghe e giornate chiare, quei decisi tagli di luce e ombra, un passo bellissimo."
Claudio Magris

Elsa Fonda gioca coi fonemi a Pirano, dove nasce nel 1935. A Trieste si laurea in lingue e scienze politiche. Studia pianoforte, canto e recitazione. Entra nella compagnia di prosa della RAI. Nel ’66 vince il concorso nazionale per annunciatrici RAI. A Roma diventa voce storica, richiesta per i programmi più prestigiosi. Alcuni mandati al Premio Italia, in catalogo della Nuova Italia Editrice. Dà volto per la TV. Nell’82 vince il I premio alla Biennale Internazionale del documentario. «Con una voce e una presenza di alta qualità nell’arte rara del porgere è cornice lussuosa negli auditorii RAI, Santa Cecilia, Teatro Sistina e dell’Opera, Quirinale, Vaticano» (Piano Time ’86). Docente al Centro Sperimentale di Cinematografia, ai corsi europei di formazione musicale di Assisi per il metodo Strumento Voce, tiene corsi di “Scrivere per leggere”. Con l’orchestra sinfonica del Teatro Verdi di Trieste è voce recitante ne L’histoire de Babar di Poulenc (’95); Pierino e il lupo di Prokofiev, L’histoire du soldat di Stravinskij (’96-98). È autrice, interprete e regista in Italia e all’estero di recital ispirati alle filastrocche istriane, Quaderno italiano di voci femminili dal ’200 ad oggi, Messaggi di speranza del ’900 dal mondo; nel Festival Internazionale di cultura e arte per l’infanzia per l’Associazione Italia-Cina (2008). Compone monologhi. Per la prosa da Luis Sepulveda, Marisa Madieri, Teresa d’Avila, Elody Oblath, Etty Hillesum, Erri De Luca, Erasmo da Rotterdam. Per la poesia da Saba, Giotti, Leopardi, Pascoli, Lorca, Pozzi, Biasiol.
Ha scritto La cresta sulla zampa sull’esodo istriano, I corpi delle donne sul femminicidio, e testi critici sull’arte figurativa. Collezionista di stampe antiche, è moglie dell’incisore napoletano Mario Scarpati.

Il volume è corredato da numerose fotografie d'epoca.

Prefazione di Livia de Savorgnani Zanmarchi

Formato: cm 15x21
Pagine: 252
Rilegatura a filo di refe
Anno 2022
ISBN: 9788898422678

Codice ProdottoELS8HJOW6
CondizioniNuovo
Larghezza15cm
Altezza21cm

Questo campo è richiesto.
Inizio

©  2022 Hammerle Editori e Stampatori. Tutti i diritti riservati - info@hammerle.it

Mailing List

Inserisci la tua email per ricevere la nostra newsletter
Inserisci un indirizzo email valido.
Email già iscritta. Continue if you wish to unsubscribe.
Iscriviti
Cancellati

©  2022 Hammerle Editori e Stampatori. Tutti i diritti riservati - info@hammerle.it

eCommerce by CubeCart